CourseForMe

Corso Manipolazione Fasciale di ® di Luigi Stecco

Associazione Manipolazione Fasciale
Associazione Manipolazione Fasciale

Informazioni dettagliate

Tipo:Formazione Professionale
Metodo:In aula
Durata:112 Ore
Titolo riconosciuto:ECM
Requisiti:laurea in fisioterapia o equipollenti
Stage:lezioni teorico pratiche
Studenti per classe:30

Hai bisogno di ulteriori informazioni?
Contatta il responsabile, gratuitamente e senza impegno, per avere informazioni su come iscriversi, sulla disponibilità dei posti o altro.

Richiedi informazioni

Programma del corso

CORSO DI MANIPOLAZIONE® FASCIALE I e II livello

PRIMO LIVELLO 2010

PRIMO FINE SETTIMANA 12-13-14 novembre 2010

Venerdì LEZIONE TIPO LEZIONE DURATA DOCENTE
9.00 – 11.00 Presentazione del corso
L'anatomia del Sistema Fasciale
Introduzione al Sistema Fasciale
Propedeutica alla Manipolazione Fasciale
Frontale 2 ORE Pedrelli
Ramilli
11.00 – 11.30 PAUSA
11.30 – 13.30 Anatomia e Fisiologia UMF.
Glossario utilizzato in MF
Frontale 2 ORE Pedrelli
13.30 – 14.30 PRANZO
14.30 – 16.30 Sequenza di ANTE tronco e arti DIM-ESE 2 ORE Ramilli
16.30 - 17.00 PAUSA
17.00 – 19.00 Sequenza di RETRO tronco e arti DIM-ESE 2 ORE Pedrelli


Sabato LEZIONE
TIPO LEZIONE DURATA DOCENTE
9.00 – 11.00 Sequenza di INTRA tronco e arti DIM-ESE 2 ORE Pedrelli
11.00 – 11.30 PAUSA
11.30 – 13.30 Sequenza di EXTRA tronco e arti DIM-ESE 2 ORE Ramilli
13.30 – 14.30 PRANZO
14.30 – 16.30 Sequenza di LATERO tronco e arti DIM-ESE 2 ORE Pedrelli
16.30 - 17.00 PAUSA
17.00 – 19.00 Sequenza di MEDIO tronco e arti DIM-ESE 2 ORE Ramilli


Domenica LEZIONE TIPO LEZIONE DURATA DOCENTE
9.00 – 11.00 Fisiologia del dolore mio-fasciale e indicazione per la
Manipolazione Fasciale Frontale 2 ORE Pedrelli
11.00 – 11.30 PAUSA
11.30 – 13.30 Come si compila la cartella per dolori segmentari.
Caso clinico segmentario (docenti) ESE 2 ORE Ramilli
13.30 – 14.30 PRANZO
14.30 – 16.30 Compilazione della Cartella per un segmento e
trattamento di un CC (allievi) Frontale 2 ORE Ramilli
16.30 - 17.00 PAUSA
17.00 – 19.00 Analisi dei casi clinici fatti dagli allievi. Discussione. Frontale 2 ORE Pedrelli

SECONDO FINE SETTIMANA 10-11-12 dicembre 2010


Venerdì LEZIONE TIPO LEZIONE DURATA DOCENTE
9.00 – 11.00 Anatomia e fisiologia della Sequenza Miofasciale Frontale 2 ORE Ramilli
11.00 – 11.30 PAUSA
11.30 – 13.30 Manipolazione della UMF, SMF, Piani.
La manualità. Frontale 2 ORE Pedrelli
13.30 – 14.30 PRANZO
14.30 – 16.30 Ripasso/interrogazione degli allievi sui CC del Tronco Dim/Ese 2 ORE Pedrelli
16.30 - 17.00 PAUSA
17.00 – 19.00 Ripasso/interrogazione degli allievi sui CC dell'Arto Inferiore Dim/Ese 2 ORE Pedrelli


Sabato LEZIONE TIPO LEZIONE DURATA DOCENTE
9.00 – 11.00 Ripasso/interrogazione degli allievi sui CC dell'Arto Superiore ESE 2 ORE Pedrelli
11.00 – 11.30 PAUSA
11.30 – 13.30 Come si compila la cartella per le SMF e i piani. Esempi.
Trattamento di un caso clinico (docenti) Frontale 2 ORE Ramilli
13.30 – 14.30 PRANZO
14.30 – 16.30 Esercitazione in seduta plenaria sul colloquio e compilazione della cartella (allievi) ESE 2 ORE Pedrelli
Ramilli
16.30 - 17.00 PAUSA
17.00 – 19.00 Compilazione della Cartella e trattamento di un caso clinico globale -SMF/Piano- (allievi) ESE 2 ORE Ramilli


Domenica LEZIONE TIPO LEZIONE DURATA DOCENTE
9.00 – 11.00 Trattamento di un caso clinico e discussione (docenti).
Presentazione articoli pubblicati dalla AMF. Frontale 2 ORE Ramilli

11.00 – 11.30 PAUSA
11.30 – 13.30 Ripasso delle logiche di trattamento.
Discussione cartelle compilate dai discenti 2 ORE Pedrelli
13.30 – 14.30 PRANZO
14.30 – 16.30 Storia della Manipolazione Fasciale.
Presentazione di cartelle/casi clinici eseguiti dai docenti. 2 ORE Pedrelli
16.30 - 17.00 PAUSA
17.00 – 19.00 Questionario ECM e prova pratica sul I Livello.
Raccolta commenti. Frontale 2 ORE Pedr-Ramil

SECONDO LIVELLO 2011

TERZO FINE SETTIMANA 18-19-20 marzo 2011


Venerdì LEZIONE TIPO DURATA DOCENTE
9.00 – 11.00 Discussione. Analisi dei casi clinici fatti dagli allievi. DIM 2 ORE Pedrelli
11.00 – 11.30 PAUSA
11.30 – 13.30 Verifiche motorie e palpatorie comparative dei CC del tronco. DIM-ESE 2 ORE Pedrelli
13.30 – 14.30 PRANZO
14.30 – 16.30 Verifiche motorie e palpatorie comparative dei CC dell'arto inferiore. DIM-ESE 2 ORE Ramilli
16.30 - 17.00 PAUSA
17.00 – 19.00 Verifiche motorie e palpatorie comparative dei CC dell'arto superiore. DIM-ESE 2 ORE Pedrelli


Sabato LEZIONE TIPO DURATA DOCENTE
9.00 – 11.00 Le traiettorie intermedie e le diagonali.
Anatomia e fisiologia delle diagonali mf Frontale 2 ORE Ramilli
11.00 – 11.30 PAUSA
11.30 – 13.30 Manipolazione e Mobilizzazione della Fascia Frontale 2 ORE Pedrelli
13.30 – 14.30 PRANZO
14.30 – 16.30 La diagonale mf di RE-LA DIM-ESE 2 ORE Ramilli
16.30 - 17.00 PAUSA
17.00 – 19.00 La diagonale mf di RE-ME DIM-ESE 2 ORE Pedrelli


Domenica LEZIONE TIPO DURATA DOCENTE
9.00 – 11.00 Come si compila la cartella per le diagonali e le spirali. Esempi.
Trattamento di un caso clinico (docenti). DIM 2 ORE Ramilli
11.00 – 11.30 PAUSA
11.30 – 13.30 La diagonale mf di AN-LA DIM-ESE 2 ORE Ramilli
13.30 – 14.30 PRANZO
14.30 – 16.30 La diagonale mf di AN-ME DIM-ESE 2 ORE Pedrelli
16.30 - 17.00 PAUSA
17.00 – 19.00 Ripasso delle quattro diagonali mf ESE 2 ORE Pedrelli




QUARTO FINE SETTIMANA 15-16-17 aprile 2011


Venerdì LEZIONE TIPO DURATA DOCENTE
9.00 – 11.00 Anatomia e fisiologia delle spirali miofasciali Frontale 2 ORE Ramilli
11.00 – 11.30 PAUSA
11.30 – 13.30 Manipolazione delle Spirali Miofasciali
Parallelismo MF-Agopuntura Frontale 2 ORE Pedrelli
13.30 – 14.30 PRANZO
14.30 – 16.30 Spirale di AN-LA tronco e arti. Esercitazione. DIM-ESE 2 ORE Ramilli
16.30 - 17.00 PAUSA
17.00 – 19.00 Spirale di RE-ME tronco e arti. Esercitazione. DIM-ESE 2 ORE Pedrelli


Sabato LEZIONE TIPO DURATA DOCENTE
9.00 – 11.00 Spirale di RE-LA tronco e arti. Esercitazione. DIM-ESE 2 ORE Ramilli
11.00 – 11.30 PAUSA
11.30 – 13.30 Spirale di AN-ME tronco e arti. Esercitazione. DIM-ESE 2 ORE Pedrelli
13.30 – 14.30 PRANZO
14.30 – 16.30 Trattamento di un caso clinico (docenti). DIM 2 ORE Ramilli
16.30 - 17.00 PAUSA
17.00 – 19.00 Compilazione della Cartella e trattamento di casi clinici (allievi). ESE 2 ORE Ramilli
Pedrelli


Domenica LEZIONE TIPO DURATA DOCENTE
9.00 – 11.00 Discussione dei casi clinici fatti dagli allievi. Frontale
11.00 – 11.30 PAUSA
11.30 – 13.30 Trattamento di un caso clinico (docenti).
13.30 – 14.30 PRANZO
14.30 – 16.30 Ripasso delle quattro spirali ESE 2 ORE Pedrelli
16.30 - 17.00 PAUSA
17.00 – 19.00 L'evoluzione della motricità in relazione alla Fascia: dall'UMF alle spirali Frontale 2 ORE Ramilli






QUINTO FINE SETTIMANA 28-29 maggio 2011


Sabato LEZIONE TIPO DURATA DOCENTE
9.00 – 11.00 Verifiche motorie/palpatorie comparative dei CC/CF del tronco DIM-ESE 2 ORE Pedrelli
11.00 – 11.30 PAUSA
11.30 – 13.30 Trattamento di caso/i clinico/i esterno (docenti) DIM 2 ORE Ramilli
13.30 – 14.30 PRANZO
14.30 – 16.30 Verifiche motorie/palpatorie comparative dei CC/CF dell'AI ESE 2 ORE Pedrelli
16.30 - 17.00 PAUSA
17.00 – 19.00 Suggerimenti e consigli per una buona fasciaterapia. Discussione. Frontale 2 ORE Pedrelli


Domenica LEZIONE TIPO DURATA DOCENTE
9.00 – 11.00 Verifiche motorie/palpatorie comparative dei CC/CF dell'AS DIM-ESE 2 ORE Pedrelli
11.00 – 11.30 PAUSA
11.30 – 13.30 Trattamento di caso/i clinico/i esterno/i (docenti) DIM 2 ORE Ramilli
13.30 – 14.30 PRANZO
14.30 – 16.30 Questionario ECM e prova pratica sull'intero corso. ESE 2 ORE Pedrelli
16.30 - 17.00 PAUSA
17.00 – 19.00 Conclusione dei lavori.
Consegna diplomi. Frontale 2 ORE Ramilli

Dove si svolge

Associazione Manipolazione Fasciale

La Manipolazione Fsciale® è nata dagli studi e dalla pratica ormai trentennale del fisioterapista Luigi Stecco, il quale ha elaborato un approccio innovativo nel trattamento delle disfunzioni e dei dolori a carico dell’apparato locomotore.
In anatomia si osserva come il tessuto connettivo denso, denominato Fascia Corporis, sia una struttura senza soluzione di continuità che non solo ricopre e penetra i singoli muscoli, ma offre loro inserzione, collegando insieme fibre appartenenti a muscoli differenti ma che funzionalmente agiscono all’unisono nel movimento segmentario e globale dei segmenti corporei lungo le direzioni dello Spazio; la fascia si presenta come tensore e coordinatore dell’azione di questi vettori muscolari nella loro azione sui tre piani dello spazio. Vettori muscolari e fascia realizzano le unità funzionali del nostro apparato locomotore: le Unità mio Fasciali.
Fattori interni o esterni, meccanici o chimici, sono in grado di incidere sulla normale omeostasi fasciale stimolando il tessuto connettivo ad una reazione protettiva di ispessimento e “densificazione” della sostanza fondamentale interposta tra i vari strati fasciali. Questa alterazione fasciale incide sulla normale coordinazione muscolare procurando nel tempo un derangement articolare che sarà la conseguenza finale lamentata dal paziente.
Dopo aver verificato il movimento doloroso riferito da paziente e palpata la presenza di alterazioni tissutali in aree specifiche (definite Centri di Coordinazione) il fascia terapeuta sarà in grado di risalire alla zona di tessuto da trattare.
L’intervento manipolativo mirato ad uno o più punti precisi del corpo, è in grado di restituire alla fascia la giusta elasticità e scorrevolezza e, permette al fascia terapeuta ed al paziente di valutare immediatamente, alla fine di ogni singola seduta, il risultato del proprio lavoro.
Le lezioni forniranno agli allievi le nozioni teoriche di anatomia e cinesiologia e la manualità necessaria per praticare un intervento manipolativo completo e globale ( già alla fine della primo livello l’allievo sarà in grado di compiere un intervento manipolativo segmentari.

Ricerche simili a Salute e Sanità

Link sponsorizzati